Pubblico delle grandi occasioni per questa finale di Coppa Italia Calcio a 8 tra la Lazio neo Campione d’Italia e il Totti Club.
In campo da una parte Ledesma, dall’altra Totti. I primi dieci minuti sono tutt’altro che spettacolari, come spesso accade in partite così tese.
Il Totti Club pressa moltissimo e questo mette in difficoltà i biancocelesti che sono chiamati più volte ad un rischioso fraseggio davanti alla difesa. È proprio da uno di questi episodi che scaturisce il gol degli avversari, a causa di un retro passaggio che passa sotto i piedi di Scevola e gela il pubblico laziale. 1 a 0 per la squadra di Francesco Totti. La Lazio calcio a 8 accusa il colpo, Chilelli chiede a gran voce calma ai suoi e la squadra, dopo cinque minuti di confusione, risponde: Ferri riceve palla da Biscossi e con freddezza la butta dentro. 1 a 1. Si riparte. Ora è il Totti Club ad accusare la botta e Biscossi per poco non ne approfitta segnando la rete del vantaggio con una girata che finisce di poco alta sopra la traversa, sul finale del primo tempo. La ripresa inizia con gli stessi ritmi frenetici della prima frazione di gioco e un pizzico di nervosismo in più che, senza alcun dubbio, l’episodio che sto per narrarvi non ha certo mitigato: punizione di Ledesma, testa di Biscossi e la palla entra in porta. Gol della Lazio, anzi no. Per il direttore di gara la sfera non è entrata e mentre metà dei biancocelesti festeggia ignara della svista arbitrale e il restante gruppo si guarda negli occhi confuso, il Totti Club approfitta della situazione surreale per tentare di portarsi in vantaggio. C’è incredulità e rabbia sulla panchina biancoceleste e sugli spalti ma il risultato non cambia; il gol di Biscossi non viene convalidato. Al danno si aggiunge la beffa quando, tre giri di orologio dopo, Amadio spiazza Scevola con un destro dal limite dell’area deviato due volte. I ragazzi del Mister Chilelli devono ritrovare la calma, la lucidità e, come se non bastasse, devono farlo anche in fretta perché il tempo scorre. Detto fatto, Ledesma e Ferri scambiano in maniera sublime e De Dominicis batte il portiere avversario da pochi metri. Pareggio. Non c’è più tempo per altro e la partita finisce sotto una pioggia battente sul risultato di 2 a 2; niente supplementari in questa Coppa Italia, così si va ai rigori, a quella cinica lotteria che tanto è stata cara alla nostra Nazionale durante gli Europei appena passati. I rigori decisivi saranno quello sbagliato da Francesco Totti e quello finale, della gioia, della consacrazione, della Coppa Italia alzata al cielo contro tutto e contro tutti, scaricato in porta con violenza e precisione da Mirko De Francesco. La S.S.Lazio calcio a 8 dei Presidenti Andrea Maria Liguori e Gianluca Buttaroni ha vinto tutto quello che si poteva vincere in questa annata della Lega Serie A calcio a 8. Sul campo anche il Presidente Della Polisportiva S.S. Lazio Antonio Buccioni per assistere ai festeggiamenti e complimentarsi con Ledesma e compagni.

Le vette appartengono alle aquile.

A cura di Simone Toscano - Responsabile Della Comunicazione S.S. Lazio calcio a 8. Aquil8News.